Gita estiva a Lavarone!

img_9778Eccomi a raccontare, con un po’ di ritardo😅, la nostra gita estiva in giornata in Val Folgaria, a Tomazol (frazione di Lavarone). In un’afosa serata di Luglio abbiamo deciso di fare una passeggiata semplice e fresca in mezzo al verde e una pubblicità sul “Sentiero degli alberi” ha attratto la nostra attenzione. Così una domenica mattina siamo partiti in direzione Lavarone. Da casa nostra si tratta di 1h e mezza scarsa, per cui niente di impegnativo!

img_9789Ovviamente, come spesso capita con le “avventure” decise all’ultimo momento, siamo partiti un po’ tardi e siamo arrivati in zona alle 11,00. I bimbi reclamavano una merenda, così abbiamo pensato di improvvisare un mini pin-nic e abbiamo preso pane fresco, formaggi , prosciutto e frutta. Ricaricati un po’ (ma lasciandone la maggior parte per il pranzo) e dopo numerosi giri in altalena per i bimbi, abbiamo trovato il parcheggio che si trovava più vicino all’inizio del percorso. Il sentiero si trova a Tomazol tra le frazioni di Virti e Chiesa ed  è ben segnalato lungo la strada.

Messi i bimbi nei marsupi, siamo partiti prima attraverso prati fioriti e poi in mezzo al bosco. Una camminata semplicissima e piacevole in mezzo al verde con dei bei punti panoramici. Ogni tanto si trovano opere d’arte realizzate da artisti sul tema del bosco e degli alberi.

Noi, per intrattenere un po’ E. che dava segni di stanchezza a vedere “solo alberi”, abbiamo fatto finta di essere alla ricerca dei funghi dove vivevano i puffi! Così lei guardava dietro ogni albero, sotto le radice, dietro ai sassi, per capire dove potessero nascondersi. Devo dire che mi sono divertita anch’io a cercarli!

Il sentiero dura circa 2,5km, da ripercorrere poi al ritorno. E’ quasi tutto pianeggiante (il dislivello è di 116m) per cui non si fa troppa fatica e potrebbe essere fatto anche con dei passeggini. Alla fine del percorso, prima di ritornare indietro, ci siamo seduti nei tavoli da pie-nic e abbiamo finito di mangiare i panini prepararti prima, la frutta e un po’ di cioccolata. E. poi ha distribuito le briciole a tutte le formiche che vedeva e ad ipotetici uccellini che al momento non si vedevano.

img_9788Camminare al fresco sotto agli alberi è estremamente rilassante e, ovviamente, al ritorno i bimbi si sono addormentati entrambi. Noi invece abbiamo concluso la passeggiata in tranquillità e ci siamo fermati ad ammirare la vista del Lago di Caldonazzo dal punto panoramico.

Tornati verso le 15 all’auto, abbiamo deciso di andare a vedere il Lago di Lavarone visto che E. voleva assolutamente trovare un parco giochi e ci faceva piacere approfittare della bella giornata di sole per stare un po’ in riva al lago. Abbiamo preso un bel gelato in riva al lago e perso 10 anni di vita quando P. in pochi secondi è passato sotto la staccionata rischiando di cadere nel lago. Abbiamo così escluso subito l’idea di fare un bel giro in barca o in pedalò del lago… Ci torneremo quando P. avrà meno tendenze kamikaze…

img_9800Abbiamo provato a “rilassarci” sul prato, cioè abbiamo rincorso P. che faceva conoscenza con tutti i turisti nella zona, e poi abbiamo puntato un bellissimo parco giochi dove abbiamo trascorso il resto del pomeriggio. Scivoli e altalene in mezzo agli alberi con una gustosissima corteccia che faceva da fondo soffice e che P. ha particolarmente gradito.

Conclusa la giornata con una bella pizza e poi a casa. Giornata piacevole, posti rilassanti, bimbi un po’ meno, ma quello si sa. Ovviamente è stato più riposante passeggiare tra gli alberi che tentare di stare seduti in riva al lago. La prossima volta puntiamo sentieri più avventurosi!

Il respiro degli alberi
Il respiro degli alberi
« 1 di 17 »

 

Likes(1)Dislikes(0)